SANIFICAZIONE INDUSTRIALE

Soluzioni professionali per reparti produttivi

Cosa è la sanificazione e a cosa serve?

La sanificazione è una pratica svolta all’interno di uffici e reparti produttivi per ridurre il rischio di contaminazione e diffusione di malattie respiratorie all’interno dell’ambiente di lavoro. Questo tema ha assunto sempre maggiore rilevanza a causa della diffusione a livello globale del COVID-19: malattia infettiva respiratoria causata dal virus denominato SARS-CoV-2, appartenente alla famiglia dei corona virus. Le infezioni respiratorie possono essere trasmesse in ambienti interni in diversi modi: contatto diretto o indiretto con una superficie infetta, trasmissione di goccioline o aerosol tramite apparecchiature di condizionamento, grandi spostamenti di aria e simili.

Sanificazione industriale

Se si pensa al contesto lavorativo, dove cooperano diverse persone, è facile comprendere l’importanza di un’efficace sanificazione. Di seguito analizziamo le soluzioni offerte da Tecnosida® per i reparti produttivi e per gli uffici.

Sanificatori industriali professionali

Per favorire la sanificazione dei reparti industriali, Tecnosida® ha progettato un sistema di filtrazione professionale che viene applicato agli impianti di ventilazione e condizionamento con portate elevate. Esso è composto da:

  • blocco di prefiltraggio componibile: permette la filtrazione delle polveri grossolane aerodisperse che si possono trovare all’interno dei reparti produttivi. A seconda della quantità di polveri, esso può essere composto da diverse tipologie di filtri (ex: filtri a tasche in presenza di elevate quantità di polveri);
  • filtraggio elettrostatico: tecnologia che basa il proprio funzionamento su campi elettrici e forze elettrostatiche applicate direttamente sulle particelle e sui microrganismi presenti nell’aria;
  • ionizzazione: il suo inserimento dopo la filtrazione elettrostatica garantisce una maggiore sterilizzazione e riduzione degli odori

Il sistema di filtrazione proposto da Tecnosida® può essere integrato con una cella che permette il trattamento dell’aria tramite ozono e/o con un sistema a carboni attivi per il trattamento degli odori. Nei paragrafi successivi approfondiremo le caratteristiche della filtrazione elettrostatica e della ionizzazione, il cuore nel nostro sistema di sanificazione, e poi faremo un breve cenno alla sanificazione tramite ozono.

Vuoi ricevere approfondimenti sull’argomento: “Sanificazione industriale professionale“?

Filtro elettrostatico

Come anticipato nel paragrafo precedente, il principio di funzionamento elettrostatico o elettronico è basato sul processo di precipitazione elettrostatica: il flusso d’aria che attraversa il sistema è interessato da due fasi: cessione di una carica elettrica alle particelle (ionizzazione – fase n. 2 in figura) e cattura delle particelle (captazione – fase n.3 in figura).
I filtri elettrostatici utilizzati da Tecnosida® sono costituiti da un corpo metallico di alluminio che durante il processo di filtrazione intercetta l’inquinante che si accumula sulle lame permettendo di sanificare il flusso aeriforme.

Funzionamento cella elettrostatica

Tali sistemi sono stati progettati per essere inseriti nel sistema di climatizzazione esistente senza modificarne le caratteristiche costruttive e dimensionali: grazie al sistema di connessione multipolare, il montaggio e lo smontaggio avvengono per semplice scorrimento sul telaio porta filtro dell’unità di climatizzazione.

Assemblaggio filtro

Vuoi ricevere approfondimenti sull’argomento: “Sanificazione industriale professionale“?

Il filtro garantisce:

  • elevata efficienza di filtrazione su particelle di 0,3-0,4 micron (paragonabili alle classi E10, E11 secondo la normativa EN 1822-2009 e alle classi PM1, PM2, PM10 secondo la EN ISO 16890) e fino ad un carico di 600 g di polveri fini. L’efficienza di filtrazione è compresa tra 98.5% e 99.9% anche in presenza di microrganismi;
  • elevata efficacia su pollini, polveri fini, toner, muffe, smog, virus, batteri e fumo di tabacco;
  • riduzione dell’inquinamento outdoor da PM10, PM2,5 e PM1;
  • protezione delle batterie di scambio termico e dei canali di distribuzione dell’aria;
  • basse perdite di carico che permettono un notevole risparmio energetico rispetto alla filtrazione tradizionale

A livello strutturale, i filtri elettrostatici presentano le seguenti caratteristiche:

  • struttura modulare che permette di comporre il sistema secondo le esigenze;
  • piastre interne lavabili con acqua e detergente. Questa operazione non danneggia l’elettronica a bordo filtro e allunga la durata del filtro;
  • circuito elettrico integrato a completa tenuta stagna che genera l’alta tensione necessaria al funzionamento del filtro. Tramite i connettori multipolari è possibile collegare più filtri tra loro con una sola linea di alimentazione;
  • connessione multipolare adatta per l’alimentazione di rete (230V-50 / 60Hz) e per la connessione in serie;
  • led luminoso che lampeggia in caso di saturazione del filtro
Elettronica incorporata e led

Questo sistema è idoneo per l’utilizzo nei contesti industriali che necessitano filtrazione di micropolveri e fumi di saldatura, ma risulta essere un valido alleato anche nei settori ospedaliero (controllo contaminazione aerodispersa nei diversi ambienti) e agroalimentare (controllo contaminazione nei processi di lavorazione alimenti).

I filtri sono stati certificati secondo la norma EN ISO 16890 (nuova classificazione per “filtri aria per la ventilazione generale”) e sono stati sottoposti alle prove previste dalla normativa UL867 superando i test e conseguendo la certificazione UL (standard Statunitense che riguarda la sicurezza delle apparecchiature).

Vuoi ricevere approfondimenti sull’argomento: “Sanificazione industriale professionale“?

Cella ionizzante

La cella ionizzante negativa è stata progettata e realizzata per essere applicata all’interno di centrali di trattamento aria o lungo i canali di distribuzione dell’aria. Il suo inserimento dopo una filtrazione ad alta efficienza di tipo elettrostatico garantisce una maggiore sterilizzazione e riduzione degli odori. La cella è dotata di ago ad alta tensione e genera una grande quantità di ioni negativi (NAI), circa 5 milioni per cm3, che agiscono nei confronti di batteri organici, virus e molecole odorose. Questi ultimi vengono caricati elettricamente dagli ioni negativi e si crea così una miscela che, entrando in contatto con le pareti del canale (o altre barriere), perde la carica elettrica con la conseguente rottura  della membrana cellulare.

Cella ionizzante

Nella tabella seguente riportiamo le dimensioni e le caratteristiche tecniche dei diversi modelli:

Portata aria min/max m3/hEmissione ioni cm3Potenza Elettrica WDimensioni mmPeso Kg
500÷24005 milioni9287 x 490 x 1002,5
700÷32005 milioni9287 x 592 x 1002,5
900÷42005 milioni16490 x 490 x 1003,0
1070÷55405 milioni16490 x 592 x 1003,0
1000÷51005 milioni16592 x 490 x 1003,3
1300÷67205 milioni16592 x 592 x 1003,3

Anche la cella ionizzante è dotata di sistema di connessione multipolare che permette l’inserimento di più celle ionizzanti in base alle esigenze di filtrazione e portata dell’aria. Come nel filtro elettrostatico, la loro fase di montaggio e smontaggio avviene per semplice scorrimento sul telaio porta filtro della centrale di trattamento aria.
Il circuito elettronico di alimentazione integrato è dotato di led che permette la segnalazione del corretto funzionamento del filtro.

Vuoi ricevere approfondimenti sull’argomento: “Sanificazione industriale professionale“?

Sanificazione tramite ozono

Come avevamo accennato all’inizio, il nostro sistema di sanificazione industriale può essere integrato con celle ozonizzanti. L’ozono è una molecola naturale composta da tre atomi di ossigeno (O3) e presente in natura come un gas blu pallido dal colore pungente. Tra gli agenti ossidanti, esso è il terzo più potente dopo fluoro e persolfato e può essere immesso negli ambienti per sanificare l’aria facendola ricircolare. L’ozono è però un gas tossico che può causare malattie; gli esseri umani possono sopportare un’esposizione limitata all’ozono: 0,06 PPM per 8 ore al giorno, 5 giorni a settimana (PPM =Parti Per Milione) e 0.3 PPM per un massimo di 15 minuti.
La sanificazione tramite ozono richiede poco tempo e può essere eseguita in locali privi di personale.

Per ricevere maggiori dettagli in merito a questi sistemi professionali per sanificare ambienti, capannoni e reparti produttivi, vi invitiamo a visualizzare i file allegati o a contattarci!